IT / EN

Progetto Autoplast

Dalla plastica alla plastica,
con professionalità e rispettando l'ambiente

Il Progetto


Il Progetto LIFE13 ENV/IT/000559 Autoplast mira al recupero di materiale plastico proveniente dal settore automotive adottando un innovativo processo produttivo che consente di migliorare la qualità del prodotto finito.

Al contempo l’implementazione di un sistema di micro raccolta sul territorio locale consente di recuperare materiale plastico altrimenti destinato allo smaltimento.

Il progetto sposa le logiche della Responsabilità Sociale di Impresa e della Sostenibilità data la sua forte valenza ambientale, sociale ed economica.

  • 1
  • 2
  • 3
Prev Next
Formazione progetto Autoplast

Formazione progetto Autoplast

Sabato 5 novembre, presso la sede Valsir di Vestone, loc. Merlaro 2, l’ing. Andrea Sbicego, Project Manager di Autoplast, presenta il progetto Life Autoplast con focus sulla realizzazione dell’impianto Valsir...

Leggi tutto
Incontri formativi progetto Autoplast

Incontri formativi progetto Autoplast

Sabato 22 ottobre e sabato 29 ottobre è possibile partecipare agli incontri informativi sul “Progetto Autoplast” presso la Cooperativa Sociale Cauto. In quest’occasione verrà presentato il Progetto Life Autoplast, con la...

Leggi tutto
Secondo incontro di networking LifeMED

Secondo incontro di networking LifeMED

21 gennaio 2016: partecipazione al secondo incontro di networking LifeMED dal titolo “I progetti LIFE nella tematica Waste from Electrical and Electronic Equipment (WEEE)”. Per Valsir ha partecipato l’ing. Chiara...

Leggi tutto
Interclima 2015

Interclima 2015

AUTOPLAST a Interclima 2-6 novembre 2015 il principale evento fieristico del mercato francese. Una vetrina importante per Valsir, in un mercato in continua crescita che rivolge un’attenzione sempre maggiore verso...

Leggi tutto
Ecomondo 2015

Ecomondo 2015

AUTOPLAST a Ecomondo 3- 6 novembre 2015 l’evento dedicato alla sostenibilità nell´area Euro-mediterranea. Il luogo ideale dove contattare gli operatori dell´industria della Green economy e dell´economia circolare. Il progetto AUTOPLAST...

Leggi tutto
Progettazione linea Autoplast

Progettazione linea Autoplast

È stata ultimata l’attività di progettazione della linea Autoplast rispettando pienamente la deadline  prevista dal progetto  

Leggi tutto
AUTOPLAST: Primo incontro di rete a EXPO 2015

AUTOPLAST: Primo incontro di rete a EXPO…

28 Luglio 2015: AUTOPLAST presente a EXPO Milano, in qualità di partner del progetto LIFE-MED con l’obiettivo di condividere esperienze e conoscenze nell’ambito della comunicazione e della diffusione di progetti...

Leggi tutto
ISH Francoforte

ISH Francoforte

AUTOPLAST a ISH Francoforte 10-14 marzo 2015. ISH è la fiera di riferimento sul panorama internazionale per il mercato idrotermosanitario. Per Valsir costituisce la principale vetrina europea all’interno della quale...

Leggi tutto
Ecomondo 2014

Ecomondo 2014

5-8 novembre 2014, Il luogo ideale dove connettersi con  gli operatori dell´industria della Green economy e dell´economia circolare. Il progetto AUTOPLAST, presentato agli esperti del settore, ha accolto il favore...

Leggi tutto
 

Gli obiettivi


Il progetto mira allo sviluppo di un sistema per il recupero di rifiuti plastici speciali provenienti dal settore automotive attraverso la realizzazione di un impianto sperimentale di riciclaggio e attraverso lo sviluppo di una rete di raccolta selettiva da realizzare nella Provincia di Brescia.

Gli obiettivi specifici del progetto sono i seguenti:

obiettivi-car

Recupero di materiale plastico

oviettivi-impianto-industriale

Costruzione e avvio di un impianto industriale per il trattamento dei rifiuti plastici raccolti e la loro trasformazione in materiale riutilizzabile.

oviettivi-catena-approvvigionamento

Sviluppo e organizzazione di una catena di approvvigionamento in provincia di Brescia.

obiettivi-separazione-componenti

Coinvolgimento attivo di una cooperativa sociale per le attività di recupero, di selezione e di separazione dei componenti ritirati.

obiettivi-co2

Utilizzo di granuli rigenerati in percentuale superiore rispetto al presente, con una conseguente riduzione dell’utilizzo di materiale grezzo vergine e delle emissioni di CO2 nell’ambiente.

 

Le azioni


timeline-azioni

2014

2015

2016

2017

Il progetto avrà una durata di 48 mesi e le attività verranno organizzate nelle seguenti Azioni:

(A1).

Attività propedeutica e avvio  -M1-M8

(B1).

Progettazione dell’impianto sperimentale -M9-M48-

(B2).

Realizzazione e messa in funzione dell’impianto sperimentale -M18-M30-

(B3).

Verifica e analisi delle performance-M31-M48-

(B4).

Sviluppo di una rete di raccolta di additivi speciali per il trattamento del materiale plastico -M1-M48-

(B5).

Sviluppo di una rete di micro raccolta di materiale plastico  -M1-M48-

(B6).

Sviluppo di una rete di utilizzatori finali -M1-M48-

(C1).

Monitoraggio dell’impatto delle azioni del progetto -M1-M48-

(D1).

Comunicazione e diffusione dei risultati -M1-M48-

(D2).

Formazione e training –M6-M48-

(D3).

Piano di comunicazione After-LIFE –M47-M48-

(E1).

Gestione dell’attività da parte di Valsir -M1-M48-

(E2).

Monitoraggio dei progressi del progetto -M1-M48-

(E3).

Formazione di una rete di interscambio con altri progetti -M1-M48-

 

I risultati attesi


Il progetto mira a dimostrare l’efficacia di un innovativo trattamento attraverso un’applicazione sperimentale ideata da Valsir in collaborazione con l’Università degli Studi di Brescia.

Al contempo, grazie ad una partnership con la cooperativa sociale Cauto, verrà sviluppata una rete di micro-raccolta sul territorio locale, grazie alla quale sarà possibile l’approvvigionamento dell’impianto.

obiettivi-oltre-200-tonnellate

Riciclaggio di materiale plastico

Sulla linea verranno lavorate plastiche da recupero. In fase iniziale si prevede il riutilizzo di circa 200 tonnellate di materiale plastico, proveniente da serbatoi. In aggiunta è previsto anche il recupero e il trattamento di materiale plastico proveniente dall’industria automotive come, ad esempio, paraurti.

L’impianto avrà potenzialità tali da permettere la lavorazione di oltre 3.000 tonnellate di materiale all’anno.

oviettivi-catena-approvvigionamento

Rete di raccolta

Oltre alla tradizionale attività di raccolta di materiale plastico presso autodemolizioni e centri di raccolta,
Il progetto mira alla realizzazione di una capillare rete di micro-raccolta da attuare presso le carrozzerie, che consente di evitare lo smaltimento del materiale in discarica o presso inceneritori.

obiettivi-co2

Riduzione delle emissioni in atmosfera

Studi dimostrano come, mediamente, per ogni kg di plastica riciclata si evita l’emissione di 1,5 kg di CO2.

Considerando che, pienamente operativo, l’impianto di separazione e riciclaggio fin qui descritto può processare approssimativamente 1.500 kg di materiale immesso all’ora, appare chiaro che un progetto di tale portata può avere un impatto significativo sull’ambiente.
Considerando, a regime di piena produttività, un ciclo continuo di 24 ore per 300 giorni all’anno, si prevede una potenziale riduzione di emissioni di CO2 nell’atmosfera pari a 13.000 tonnellate annue.

L’impianto industriale renderà possibile la lavorazione di una quantità di materiale pari approssimativamente a 200 tonnellate all’anno durante il progetto sperimentale.

La linea può essere utilizzata anche per il recupero di altri componenti legati all’industria dell’automotive, come paraurti, o prodotti provenienti da altri settori come imballaggi in PP/PE, materiali plastici misti PP/PE, sacconi, bottiglie, con il conseguente coinvolgimento attivo di enti locali per il recupero e la selezione dei materiali.

 
life-logo

Il programma Life+


Il programma LIFE+ finanzia progetti che contribuiscono allo sviluppo e all'attuazione della politica e del diritto in materia ambientale. Questo programma facilita in particolare l'integrazione delle questioni ambientali nelle altre politiche e, in linea più generale, contribuisce allo sviluppo sostenibile.

Il progetto LIFE è iniziato nel 1992 e finora ci sono state quattro fasi complete del programma (LIFE I: 1992-1995, LIFE II: 1996-1999, LIFE III: 2000-2006 e LIFE+: 2007-2013).

Nel corso di questo periodo LIFE ha cofinanziato approssimativamente 4.171 progetti, contribuendo all’ incirca con 3,4 miliardi di Euro alla salvaguardia del clima e dell’ambiente.

Il programma LIFE viene gestito dalla Commissione Europea (DG Environment and DG Climate Action). La Commissione ha delegato l’attuazione di numerosi componenti del programma LIFE all’Agenzia Esecutiva per le Piccole e Medie Imprese (EASME).

Team esterni di selezione, monitoraggio e comunicazione forniscono assistenza alla Commissione e all’EASME. I due nuovi strumenti finanziari (NCFF and PF4EE) verranno gestiti dalla European Investment Bank.

Download